Tecnologie

Crea un futuro di grande scienza con le tecnologie BUCHI all’avanguardia, automatizzate e di facile utilizzo basate su decenni di esperienza di laboratorio. 

Spray Drying 

Spray Drying è un metodo elegante per essiccare sostanze solide disciolte in un liquido, che produce particelle di dimensioni uniformi e protegge le sostanze. 

Il processo di Spray Drying comporta la spruzzatura di una soluzione tramite un ugello sottile in una camera a vuoto in cui le sostanze solide formano piccole particelle sulla parete della camera. Il solvente stesso evapora. 

Spray Drying ha molte applicazioni nella formulazione di alimenti, prodotti farmaceutici e prodotti chimici speciali. Per ottenere ottimi risultati è necessaria un’apparecchiatura specializzata per Spray Drying. BUCHI fornisce soluzioni per più dimensioni di campioni per le applicazioni di laboratorio e quelle su scala industriale. 

Applicazioni Spray Drying BUCHI  

 

Liofilizzazione

La liofilizzazione, nota anche come crioessiccamento, è un metodo chiave per estrarre liquidi, normalmente acqua, da sostanze sensibili. 

Il processo di crioessiccamento prevede il congelamento di un campione prima dell’applicazione di un forte vuoto; questo processo porta alla sublimazione dei liquidi, che aiuta a mantenere l’integrità/la struttura complessiva del campione. Pertanto, il crioessiccamento è ampiamente utilizzato nell’industria alimentare per preservare il gusto e la qualità degli alimenti e mantenerne l’aspetto visivo. Poiché questo processo evita le alte temperature richieste dai metodi alternativi, ha molte applicazioni nelle scienze farmaceutiche e biologiche. 

Sebbene la liofilizzazione possa essere eseguita manualmente, si ottengono risultati più coerenti utilizzando liofilizzatori dedicati, disponibili per varie dimensioni di campioni e applicazioni. 

Applicazioni liofilizzazione BUCHI  

 

Micro-incapsulamento 

L’incapsulamento viene utilizzato per proteggere le sostanze o per controllarne l’erogazione. Nel processo di incapsulamento una sostanza target viene rivestita da uno strato protettivo, ma permeabile. È anche possibile incapsulare materiali viventi come le cellule. Il micro-incapsulamento può erogare capsule su scala microscopica e ha numerose applicazioni nel campo delle scienze biologiche, della medicina e della produzione alimentare. 

Esistono vari metodi di incapsulamento. Le procedure classiche sono l’incapsulamento con bassina di rivestimento o l’incapsulamento mediante centrifugazione. Si ottengono risultati più controllabili mediante Spray Drying utilizzando un ugello vibrante. Tramite questo metodo, a un flusso laminare vengono applicate attraverso un ugello delle vibrazioni controllate generando capsule di dimensioni uniformi e consentendo vari rivestimenti. 

Applicazioni incapsulazione BUCHI  

 

Estrazione solido-liquido

Esistono diversi metodi per l’estrazione solido-liquido. Per molte applicazioni quello più elegante ed efficiente è l’estrazione Soxhlet. Consente l’estrazione continua di un campione mediante la distillazione continua del solvente. Per questo, il campione solido viene posto in un ditale sopra il solvente. Il solvente evapora e quindi si ricondensa in un condensatore sopra al ditale e quindi scorre all’interno di esso, dove avviene l’estrazione. Quando il ditale è pieno, l’estratto viene nuovamente travasato nel contenitore del solvente. Il campione solido può essere estratto delicatamente e continuamente con il solvente fresco. L’intero processo può essere completamente automatizzato grazie alla gamma di strumenti di estrazione BUCHI. 

Applicazioni estrazione BUCHI  

 

Spettroscopia nel vicino infrarosso (NIR) 

La spettroscopia NIR misura l’assorbimento di sostanze nell’intervallo di lunghezze d’onda compreso tra 780 nm e 2.500 nm. Sebbene la NIR non sia particolarmente sensibile, ha il vantaggio di essere in grado di penetrare i campioni meglio di altri metodi spettroscopici come l’IR a medio raggio. Pertanto, non è necessaria alcuna preparazione dei campioni o è sufficiente una preparazione minima. Oltre alle classiche applicazioni di laboratorio, la NIR viene utilizzata per analizzare le merci in entrata o direttamente nel processo di produzione. Consente la determinazione di vari componenti, dagli alimenti alla plastica e ai prodotti farmaceutici. I metodi chemiometrici vengono applicati per determinare il contenuto di miscele e prodotti naturali come cereali o carne: Lo spettro complesso della NIR viene confrontato con gli spettri di riferimento tramite un software per la NIR specializzato. 

BUCHI offre un’ampia gamma di apparecchiature per la NIR, dagli strumenti di laboratorio ad alta sensibilità alle soluzioni online e ai dispositivi portatili. 

Applicazioni NIR BUCHI  

 

Determinazione del punto di fusione 

La determinazione del punto di fusione è uno dei metodi più vecchi utilizzati, principalmente, per analizzare la purezza di una sostanza. Ancora oggi rimane uno dei controlli più semplici per la purezza e si basa sul fatto che ogni sostanza (solida) chimicamente pura ha una temperatura di fusione ben definita. Meno è pura una sostanza, più è bassa la temperatura di fusione. 

La determinazione del punto di fusione è semplice: un campione viene riscaldato lentamente e viene osservata la temperatura del campione. Tuttavia, questo processo richiede molto tempo; BUCHI ha quindi automatizzato completamente il processo con strumenti dedicati al punto di fusione, che offrono un’ispezione visiva del processo e dei metodi/programmi specifici per varie sostanze. È inoltre possibile registrare la transizione della fase critica per le analisi successive. 

Applicazioni punto di fusione BUCHI